Bacche di Goji, proprietà e virtù

Le bacche di Goji (fonte: deabyday.tv)
Le bacche di Goji (fonte: deabyday.tv)

Le bacche di Goji, piccoli frutti rossi originari della Cina, sono un concentrato benefico dalle mille virtù.

VARIETÀ DELLE BACCHE DI GOJI – Esistono due varietà delle bacche di Goji: una, più pregiata (Lycium Barbarum), è coltivata alle pendici dell’Himalaya, ha foglie strette e lunghe e frutti di dimensioni superiori e più dolci; più ridotte, invece, le proprietà salutari del Lycium Chinense, coltivato nelle regioni meridionali, con foglie più corte e larghe e frutto dal sapore più amaro.

RICCHE PROPRIETÀ – Con 15 gr di consumo quotidiano ci si assicura un pieno di vitamine, sali minerali, aminoacidi essenziali, polifenoli e polisaccaridi unici in natura, fibre, carotenoidi, manganese, zinco e ferro. Decisivo è anche l’aspetto antiossidante del Gojii, vera e propria fonte di giovinezza in grado di contrastare l’azione dei radicali liberi.

COME CONSUMARLI – Ideali a colazione, al naturale od aggiunte a latte e yogurt di soia, le bacche di Goji possono essere assunte in qualsiasi momento della giornata, come piacevole snack. Sono, inoltre, consentite anche nelle diete come spuntino “spezza fame”, grazie al loro indice glicemico basso.

EFFETTI COLLATERALI DELL’ABUSO – Tuttavia, come tutti gli alimenti, non sono prive di effetti collaterali, da scongiurare evitando un consumo eccessivo e sconsiderato. Le bacche di Goji possono, infatti, interagire con alcuni farmaci: ad esempio, non andrebbero assunte da chi utilizza farmaci contro la pressione alta o per il diabete, poiché sono in grado di provocare anomali cali di pressione e del livello di zucchero nel sangue, con conseguenze anche gravi. Nota è anche la loro interazione con alcuni principi anticoagulanti, per cui l’assunzione in concomitanza di terapie farmacologiche va sempre preventivamente autorizzata da un controllo medico, per evitare che questo concentrato notoriamente benefico si trasformi invece in un cocktail dai pericolosi effetti collaterali.

COME CONSERVARLE – Particolare accortezza va anche prestata alla conservazione delle bacche di Goji: la luce provoca infatti la loro ossidazione, con conseguente perdita delle proprietà terapeutiche ed antiossidanti. Per tale ragione, le bacche non vanno mai riposte in contenitori di plastica o vetro trasparente.

Norma Raimondo

foto: deabyday.tv

Food , , , , , ,
Norma Raimondo

Informazioni su Norma Raimondo

Giornalista pubblicista, 45 anni, 28 dei quali trascorsi seguendo alimentazione esclusivamente vegetariana. Da due anni circa ho eliminato dalla mia dieta anche le uova. Ho un marito, due figli, un impiego che non è quello che sogno di fare nella vita ma di questi tempi è già qualcosa. Amo parlare, ascoltare, scrivere. Non bevo, non fumo. Ho un unico vizio: adoro leggere. Divoro generi vari, con una predilezione per le storie realmente accadute. Unica eccezione, i libri fantasy, che proprio non mi affascinano. Leggo appena posso, tenendo fede ad un motto di G. Flaubert: “ Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi o, come fanno gli ambiziosi per istruirvi. No, leggete per vivere”.

Precedente Dieci buone ragioni per abbracciare il Vegan Way of Life Successivo Alimentazione vegana e prevenzione del cancro

Lascia un commento


*