Cacao crudo e addio ai sensi di colpa

 

Fave di cacao crudo (fonte: lovinglife.cl)
Fave di cacao crudo (fonte: lovinglife.cl)

Cacao crudo, un alimento sorprendente… Non è un caso se una famosa canzone recita la frase “cacao meravigliao“. Questo alimento consente al nostro corpo di fluidificare il sangue e di proteggersi dai danni provocati dai radicali liberi grazie agli antiossidanti; ci mette di buon umore con il triptofano e la serotonina, di cui è ricco; possiede minerali come il magnesio, utile per ossa e denti, il ferro, il manganese, il potassio e lo zinco. Il cacao crudo contiene, inoltre, più ossidanti del vino rosso per 20 volte e del thé verde per 30 volte. L’universo crudista lo utilizza in quattro forme diverse: burro, polvere, liquor e fave.

Se la voglia di dolcezza ci chiama, in pochi minuti possiamo preparare a casa degli ottimi cioccolatini, sciogliendo del cacao liquor o in polvere insieme al burro di cacao, senza superare i 45 gradi; successivamente, possiamo dolcificare il composto con succo d’agave o xilitolo. Una volta riposto in frigo per mezz’ora, il cioccolatino salutare fatto in casa é pronto.

Biscotti di cacao crudo fatti in casa (fonte: veganblog.it)
Biscotti di cacao crudo fatti in casa (fonte: veganblog.it)

I dolci crudi.
Possiamo preparare anche dolci crudi, cioè torte, biscotti, crostate, tutti con ingredienti che possono essere mangiati crudi: niente latte e uova, neanche stabilizzanti e conservanti. La torta sacher cruda, per esempio, avrà un impasto a base di cacao, farina di cocco, farina di mandorle, crema di datteri e irish moss, un’alga utile alla giusta consistenza. La marmellata della farcitura sarà fatta di albicocche secche e succo di arancia. Anche i biscotti possono essere crudi, basta prepararli con un impasto che prevede essiccazione, senza superare mai la temperatura di 42 gradi. La lavorazione a basse temperature è fondamentale per far sì che gli alimenti non perdano le loro preziose proprietà nutrizionali, come avviene, invece, per la tostatura.

Ma come si può acquistare il cacao crudo?
Ci sono diverse tipologie di cacao in commercio: la polvere, fatta di semi di cacao spremuti a freddo; la granella di semi di cacao; le fave intere, dette anche semi di cacao, pelate e non pelate; la pasta di cacao e le tavolette di cioccolato crudo, snack privo di conservanti. Quando lo si acquista, però, ci si deve accertare che si tratti di cacao crudo, cioè non tostato, perché essiccato non oltre i 42 gradi.

Fave di cacao e semi (fonte: biogger.it)
Fave di cacao e semi (fonte: biogger.it)

Il cioccolato classico.
Il cioccolato che mangiamo tutti i giorni è così elaborato che ha perso ormai le sue proprietà nutritive, per regalarci solo zuccheri, spesso fonti di spiacevole grasso corporeo. Il cacao, invece, nella sua forma cruda possiede qualità straordinarie di cui la nostra dieta potrebbe beneficiare senza ombra di dubbio. Oltre ai minerali già elencati, è ricco di vitamine come la B1, B3, B5, B9 ed E.

Il cacao crudo merita di essere aggiunto alla nostra dieta in qualità di superfood: umore e forma fisica sono garantiti.

Arianna Montemurro

foto: biogger.it; veganblog.it; lovinglife.cl

Precedente Il Giovedì Vegetariano di Gent Successivo I Finocchini: versione vegana del dolce piemontese

Lascia un commento


*