Come superare le feste di natale da vegano

Alcuni consigli per condividere le feste con i non-vegani

Le vacanze sono un momento per godersi la vita con le nostre famiglie e gli amici. Questo periodo dell’anno ispira tutta una serie di emozioni, che includono: eccitazione, paura, gioia e ansia. Coloro che condividono le celebrazioni con i nonvegani hanno tutta un’altra dimensione da considerare come le assillanti domande sulle proprie scelte alimentari e tutta una serie di miti da sfatare su questo stile di vita. In preparazione a queste festività, ho messo insieme alcuni consigli per rendere la condivisione natalizia con i non-vegani, il più possibile tranquilla e priva di stress. 

foto:serenataassets.com
foto:serenataassets.com

Cucina del cibo fantastico

Non fingiamo, che proprio il cibo, in questo periodo non sia il fulcro, il cuore pulsante della festività. Se chiudiamo gli occhi e ci immaginiamo un bel Natale, subito la mente si figura una bella tavola imbandita con tutti i crismi e tutti i nostri affetti seduti intorno. Il tintinnio delle posate, le risate dei commensali e le canzoni di Natale in sottofondo. La convivialità che questa festa porta ogni anno nelle nostre case, non dovrebbe essere rovinata dalla scelta di un menù diverso e cruelty free. Se pranzerete circondati da onnivori, questa è l’occasione giusta per dimostrare che a tavola non vi fate mancare niente. E se sarete voi i cuochi, datevi da fare, cercate ricette su libri o blog e provateli prima del gran giorno. Ma soprattutto cucinate con il cuore.

Se volete quache idea ecco il nostro ricettario veg per Natale, lo trovate qui.

Se invece non siete dei maghi in cucina, non fatevi prendere dal panico, c’è tutto il tempo necessario per andare in una gastronomia vegana ed ordinare qualcosa. Se ve la cavicchiate, in commercio esistono arrosti di tofu gia pronti o medaglioni di seitan. Potreste avvolgere i medaglioni nella pastasfoglia con una salsina ai mirtilli e il gioco è fatto. Un’idea veloce e di facilissima realizzazione. Non dimenticate la presentazione dei piatti, anche l’occhio vuole la sua parte, un bel piatto da portata ben guarnito con le verdure sarà un perfetto sfondo per la vostra portata principale.

Gestire i commenti

Se siete come me, uno scherzo o un commento mal espresso possono davvero rovinare il mood dell’intero pranzo e non c’è nulla di peggio, di rovinarsi l’appetito durante una giornata in cui mangiare fino allo sfinimento, dovrebbe essere l’obiettivo principale. Se siete preoccupati che il vostro stile di vita possa sucitare problemi o dibattiti infiniti fra parenti e amici è bene pensare a come reagire preventivamente e dare un’occhiata ai nostri consigli su come instaurare una conversazione con un carnivoro qui. O in alternativa spiegare con molta calma ai propri amici e familiari che non si vuole parlare di queste cose.

foto:http://domashno-izbelvane.com
foto:domashno-izbelvane.com

Sentirsi bene con se stessi, dopotutto è Natale

Arrivato il fatidico giorno, siete nervosi perchè più della metà della tavolata è occupata da onnivori che mangeranno animali morti sottoforma di affettati, arrosti e chi più ne ha ne metta. Non arrabbiatevi, passereste come coloro che vogliono guastare la festa; organizzatevi in anticipo chiedendo di stare seduti lontano dalla carne e dal pesce e se qualcuno vi dice

non sai cosa ti stai perdendo questo arrosto è buonissimo

voi potrete rispondere con incredibile gioia ed eleganza che quello che state mangiando è buonissimo perchè nessuno ha sofferto per prepararlo. Non siate aggressivi e apprezzate l’allegria e la gioia del Natale, che tanto avete tutto il resto dell’anno per fare il muso duro ai carnivori.

Cultura Veg, Food , , , ,
Suzanne Piana

Informazioni su Suzanne Piana

Classe 1987, di origine lecchesi nel 2008 si trasferisce a Torino per studiare Storia dell'Arte. Appasionata di cucina, design e sostenibilità detesta i cafoni che non fanno la raccolta differenziata e le persone incoerenti. Adora leggere e cucinare per le persone che ama. Multitasking per natura ha un compagno che la sostiene, un figlio di soli 6 mesi che fa troppe pernacchie e una gran voglia di di esprimersi.

Precedente Polpettone vegano: segni particolari? Bellissimo Successivo Ravioli vegani ripieni di lenticchie e alga dulse

Lascia un commento


*