E il tuo frigorifero come sta?

foto:uningegnereperamico.altervista.org

foto:uningegnereperamico.altervista.org

Il frigorifero è il Re della cucina, conserva e tiene al riparo molti cibi e la sua consorte, nonchè regina, è la Cuoca che dirige molte altre personalità di questo regno: i fornelli, i taglieri, il lavandino e chi più ne ha più ne metta. Ma le regine della cucina sanno veramente come prendere il Re? Sanno disporre le pietanze nella maniera corretta all’interno del frigo? Cooscete i trucchi per mantenere al meglio il valore nutritivo dei cibi che vi riponete? Non dimenticate mai nessun reperto all’interno?
Ecco un piccolo test prima di proseguire nella lettura dell’articolo, cliccate qui

frigorifero

foto:staticbonsai.tv

Re frigorifero spodestò la Regina madre Ghiacciaia

Nell’Ottocento nelle zone più fredde, era uso comune ,nei grandi casolari di campagna, avere la ghiacciaia. Che non congelava le pietanze come fa il nostro freezer ma le conservava ad una temperatura molto fredda. Il colpo di stato ad opera del Frigorifero risale ai primi anni Venti del Novecento quando Albert Einstein sviluppò al meglio, il progetto di una macchina frigorifera, già brevettata trenta anni prima dall’americano John Gorrie. Insomma questa invezione così utile ha poco più di cent’anni.

Batteri e frigorifero

Il freddo, secondo una credenza comune ucciderebbe i microbi, in realtà ne rallenta solo lo sviluppo, in modo tanto più efficace quanto più rapido e omogeno. Il frigorifero è quindi un ricettacolo di batteri di ogni genere – che secondo uno studio della Food Control – come lo Pseudomonas, la Salmonella, gli  stafilococchi coagulasi positivi o il Bacillus cereus. La carica batterica tende a concentrarsi sul fondo del frigorifero e nel comparto della frutta e verdura.

Come evitare il proliferare dei batteri?

  • Bisogna sempre cercare di mantenere una temperatura costante, intorno ai 4-5°.
  • Disporre il frigorifero lontano da fonti di calore, come il forno, i fornelli o i termosifoni.
  • Aprire e chiudere in breve tempo.
  • Evitare di disporre contenitori del cibo a diretto contatto tra di loro o con le pareti del frigo.
  • Evitare di disporre cibi ancora caldi nel frigorifero.
  • Quando si riempie il frigorifero con la spesa settimanale regolare il termostato su una temperatura più bassa.
  • Per ottenere la massima efficienza è bene cercare di tenerlo piuttosto pieno, lasciando spazio tra i contenitori.
  • Pulire frequentememte la guarnizione della porta e lavare l’interno del frigorifero con acqua tiepida,aceto e qualche goccia di limone.
  • Asciugare con molta cura e attenzione l’interno, in particolar modo il cassetto porta verdura.
  • Sbrinare periodicamente seguendo le indicazioni della casa produttrice (alcuni frigo si sbrinano da soli, un sogno).
  • Separate gli aliementi crudi da quelli cotti per evitari casi di cross-contamination.

 

 

,

 

Food / , , ,
Suzanne Piana

Informazioni su Suzanne Piana

Classe 1987, di origine lecchesi nel 2008 si trasferisce a Torino per studiare Storia dell'Arte. Appasionata di cucina, design e sostenibilità detesta i cafoni che non fanno la raccolta differenziata e le persone incoerenti. Adora leggere e cucinare per le persone che ama. Multitasking per natura ha un compagno che la sostiene, un figlio di soli 6 mesi che fa troppe pernacchie e una gran voglia di di esprimersi.

Lascia un commento


*