Eco-pensiero, micro-edilizia: vivere in una Tiny House

Cosa sono le Tiny Houses (fonte: countryliving.com)
Cosa sono le Tiny Houses (fonte: countryliving.com)

Il volume di un container, quattro ruote e una varietà di materiali diversi sapientemente combinati, oltre alla giusta inventiva per sfruttare al meglio tutti gli spazi disponibili: è ciò che basta per realizzare, con un budget davvero ridotto, la propria Tiny House.

RISPARMIO E ECOSOSTENIBILITÀ – Quello delle Tiny Houses, letteralmente “minuscole case”, è un fenomeno che, dalla sua prima diffusione negli Stati Uniti durante la crisi economica del 2009, non ha smesso di prendere piede, diventando un vero e proprio simbolo del perfetto connubio tra necessità di abbattere le spese familiari ed eco-sostenibilità.
A vederle, non sembrano avere molto da invidiare alle case tradizionali, in quanto a comodità e design: agli spazi ridotti, anche meno di 10 metri quadri, si risponde con soluzioni pratiche e ingegnose, spesso con un occhio attento all’estetica. Che siano mobili o meno, energeticamente autonome o realizzate interamente con materiali riciclati, quel che le accomuna è il minimalismo, che si declina in utenze molto basse e nella scelta obbligata di possedere solo ciò di cui si ha realmente bisogno, indubbiamente una delle soluzioni migliori in un momento storico in cui la riduzione dei consumi pare essere l’unica via percorribile per sopperire alla limitatezza delle risorse economiche e ambientali.

Risparmio ed ecosostenibilità (fonte: chrisandmalissa.com)
Risparmio ed ecosostenibilità (fonte: chrisandmalissa.com)

TESTIMONIANZE DIRETTE – Progettate da architetti o persone comuni, messe in piedi in poco tempo e utilizzate per necessità o stile di vita, le micro-case sono da tempo giunte oltreoceano, dove hanno raggiunto i più svariati target.
«Vivere in una Tiny House», spiega Alek Lisefski, che senza alcuna esperienza ha costruito interamente la propria casa e vi si è trasferito con la compagna Anjali Krystofiak, «è stata una delle spinte di questo profondo desiderio di rendere più semplice la mia vita, e credo di stare ancora combattendo per questo su altri fronti, ma […] abbiamo iniziato quel processo del possedere semplicemente di meno, focalizzandoci su ciò che è davvero importante. Ti senti così bene nel dare vie cose che effettivamente non ti servono, non è così difficile, e non ti manca nulla».
Testimonianze come questa sono state raccolte da Kirsten Dirksen, fondatrice di faircompanies.com, in una serie di reportage pubblicati su youtube, ma il materiale reperibile sul web è davvero sconfinato, e chiunque può accedere a svariati progetti di diverse tipologie di Tiny Houses, ad esempio su tinyhouseblog.com/.

Una piccola rivoluzione che è già alle porte dell’Italia, forse insieme a un nuovo modo di concepire la vita stessa.

Martina Di Franco

foto: countryliving.com; chrisandmalissa.com

Precedente La morte silenziosa delle api italiane Successivo Torta caprese vegan. La ricetta di Veg and Shout

Lascia un commento


*