Fragole: 5 ottimi motivi per portarle in tavola

Sin dal 18° secolo sono note le proprietà medicamentose di questo frutto. Linneoil famoso naturalista svedese, definì le fragole “beneficio degli dei”, poiché lo aiutarono a curare una gotta veramente ostinata.  foto:pinchmysalt.com
Sin dal 18° secolo sono note le proprietà medicamentose di questo frutto. Linneo, il famoso naturalista svedese, definì le fragole “beneficio degli dei”, poiché lo aiutarono a curare una gotta veramente ostinata.
foto: pinchmysalt.com

Fragola deriva dal latino fragus che significa fragrante, cioè profumato; conosciuta già in tempi antichi, veniva consumata durante le festività primaverili dedicate ad Adone: secondo la leggenda, infatti, alla sua morte, Venere pianse lacrime che, cadute a terra, si trasformarono in piccoli cuori rossi.
Le fragole sono un frutto primaverile ipocalorico dall’alto contenuto di potassio, magnesio e fosforo.

Le fragole sono i miei frutti prediletti, mi ricordano le domeniche pomeriggio passate in campagna da mia nonna. Mio fratello ed io facevamo a gara a chi ne raccoglieva di più. Non fraintendetemi, la nonna non le coltivava nell’orto; crescevano, piccole piccole, spontaneamente in un boschetto non troppo lontano dal giardino. Un cestino di vimini a testa, cappellino e crema solare, questi erano i nostri strumenti da cacciatori di fragole. Mi ricordo che bisognava avere l’occhio allenato per riuscire a scorgere nel sottobosco, fra tutte quelle sfumature di verde, il rosso brillante della fragolina selvatica. Era inoltre necessaria una forza di volontà granitica per non cedere alla tentazione di assaggiarle; altrimenti non ci sarebbe stata nessuna marmellata.

Come sceglierle e consumarle?
Innanzitutto meglio scegliere fragole italiane e non straniere ma soprattutto di stagione; se penso che a Natale, cioè a Dicembre (pieno inverno) al supermercato sia possibile trovare fragole spagnole coltivate in serra, mi viene il nervoso. Sono fragole grandi quanto albicocche, che sanno solo d’acqua, non sono di stagione perciò non ha senso usarle per preparare la macedonia per il cenone.
Scegliere fragole turgide, color rosso vivo con il picciolo ancora attaccato. Prediligere quelle piccoline che hanno sicuramente più sapore.
Se si acquistano quelle in vaschetta controllare che non ce ne siano di ammaccate o ammuffite, altrimenti non ne salverete nessuna.
Lavarle bene e lasciarle asciugare, essendo le fragole molto acquose il rischio è di perdere sapore. Non zuccherarle, sono naturale fonte di fruttosio e se sono veramente buone, bastano alcune gocce di limone o di aceto di mele per esaltarne il sapore. Si possono gustare con il gelato di riso o in un vegan tiramisù.

Pierre Auguste Renoir, Fragole, 1908, olio su tela, Musee des Beaux Arts, Bordeaux  foto:it.wahooart.com
Pierre Auguste Renoir, Fragole, 1908, olio su tela, Musee des Beaux Arts, Bordeaux
foto: it.wahooart.com

5 buoni motivi per mangiare più fragole.
1) Bastano 4 fragole per sopperire al fabbisogno giornaliero di vitamina C. La vitamina C facilita l’assorbimento di ferro e magnesio che aiutano a mantenere in buono stato il tessuto connettivo dei muscoli. Chi pratica molto sport, dovrebbe consumare, quando sono di stagione, le fragole poiché riducono drasticamente il dolore muscolare, quando si è sotto sforzo.

2) Le fragole sono ricche di collagene, la proteina che come ben sappiamo si trova in tutte le creme antirughe. Il collagene, rafforza i capillari, previene la disidratazione cutanea, mantenendo la pelle elastica e tonica e prevenendo l’invecchiamento cellulare. Oltre a mangiarle, con le fragole è possibile preparare una tonificante maschera di bellezza.

foto: m.trusper.com
foto: m.trusper.com

Ecco come: Schiacciare delle fragole e applicarle sul viso senza trucco tenendole con una garza. Tenere in posa per 10 minuti e risciacquare con acqua di rose. Nel caso si abbia una pelle secca aggiungere alla purea di fragole un cucchiaino di olio di mandorle dolci e uno di fecola.

3)Le fragole sono un ottimo drenante, riducono la ritenzione idrica, grazie al potassio contenuto; infatti, questo minerale di cui è ricca, va a bilanciare il livello di sodio nei tessuti, facilitando il naturale sgonfiamento e dimagrimento.

4) Le fragole, sono aspirine vestite di rosso, infatti, il loro apporto di acido chinico e acido salicilico, aiuta a combattere la stanchezza e la spossatezza dovute al risveglio primaverile dell’organismo. L’acido salicilico, meglio conosciuto come aspirina, il nome che nel 1921 la casa farmaceutica Bayer gli affibbiò, ha proprietà antinfiammatorie, antipiretiche e rinvigorenti.

5) Le fragole migliorano l’umore, infatti, stimolano la produzione di serotonina, il neurotrasmettitore che si occupa di gestire i nostri stati umorali, i ritmi circadiani e il controllo dell’appetito. Non solo questo frutto composto per il 90% da acqua placa la nostra fame ma ci aiuta a disciplinare il ciclo del sonno e a sorridere più spesso.

Suzanne Piana

foto: m.trusper.com; it.wahooart.com; pinchmysalt.com

Precedente Pasta con dente di leone Successivo Straziami ma di tofu saziami, quando il principe è... verde

Lascia un commento


*