Gelatine veg? rigorosamente homemade e fatte con il cuore

Le gelatine hanno un’antica tradizione, ecco una brevissima ma dolcissima cronostoria

foto:.mommypotamus.com
foto:.mommypotamus.com

Dopo il 1492 e la scoperta dell’America, lo zucchero si diffuse in tutto il mondo: era raro e costoso e riservato alle sole classi agiate, le quali potevano godere di questo ingrediente per preparare sciroppi e gelatine che solitamente erano serviti su letti di foglie d’alloro. I borghesi dovranno aspettare fino al 1790 per poter godere della dolcezze delle gelatine che entrano ufficialmente a far parte dell‘arte dolciaria: siamo in Piemonte dove viene scoperto lo zucchero bianco estratto dal rabarbaro che viene indicato dal  “Confetturiere Piemontese” come facilmente solubile e  ideale per la “cottura detta caramel”. Le gelatine però non sono ancora appannaggio dei comuni mortali e le si possono trovare solo nelle confetterie e nelle pasticcerie più fornite; bisognerà attendere la diffusione della gelatina in fogli affinchè questo dolce raggiunga tutte le case e delizi ogni bambino.

Gelatine veg

032
Ecco qui le mie caramelle veg fatte con la purea di lamponi

In questo articolo abbiamo indicato le caramelle veg vendute dalla grande distribuzione, ora vi esporremo il procedimento per farle in casa. Mamme non dimenticate che a fine Ottobre è Halloween e che bisogna essere preparati!!!

Potete anche sbizzarrirvi con delle formine carine. Gelatine veg ai lamponi e cardamomo
Potete anche sbizzarrirvi con delle formine carine.
Gelatine veg ai lamponi e cardamomo

Innanzitutto bisogna decidere quale tipologia di addesante utilizzare: pectina o agar agar?

Entrambi sono disponibili in commercio, l’unica differenza è che la pectina si può preparare a casa con un chilo di mele, acqua e succo di limone mentre l’agar agar va acquistato al supermercato.

Ingredienti

160 gr di purea di frutta cotta

40 gr di zucchero

15 gr di pectina o 8 gr di agar agar

150 ml di sciroppo di glucosio

Procedimento

Sciogliere lo zucchero nell’acqua a freddo mescolando con molta cura i due ingredienti ed evitando di farli sobbolire.

Aggiungere la pectina o l’agar agar e succesivamente il glucosio, con l’ausilio di un termomentro per alimenti tenete sotto controllo la temperatura che non deve superare i 103° altrimenti vi ritroverete con una poltiglia così appicicosa e gommosa da risultare una perfetta colla per dentiere.

Una volta che il composto appare omogeneo, rovesciare il contenuto su uno stampo oppure su un vassoio coperto di carta da forno e lasciare raffreddare.

Una volta che il composto si è rappreso potete tagliarlo con delle formine oppure semplicemete a cubetti.

Ed ecco pronte le caramelle veg fatte in casa.

 

 

 

 

 

Precedente Pelle morbida anche in autunno Successivo L'ipocrisia del carnivoro in un cartone animato sull'allevamento intensivo

Lascia un commento


*