Grande moda a piccoli prezzi? Provate con Armadio Verde

una tortura tipicamente femminile: il cambio di stagione
una tortura tipicamente femminile: il cambio di stagione

La primavera porta inevitabilmente con sé il momento del cambio di stagione nell’armadio.
Un appuntamento di routine, che per alcuni vuole dire un rinnovo totale del guardaroba, per altri equivale a disfarsi di qualche capo che continuiamo ad ostinarci a conservare con mille buoni propositi (un cambio di taglia, una revisione con la complicità della sarta), salvo poi ritrovarcelo fra i piedi, sei mesi dopo, senza averlo mai indossato nemmeno una volta.

Ma quanto crescono i cuccioli d’uomo!
Se noi adulti tendiamo a conservare, diventa difficile farlo quando si hanno in famiglia dei bambini. Sembra impossibile, ma la crescita dei propri pargoli avviene in maniera repentina; spesso ciò che andava bene in primavera, si ripresenta all’appuntamento con l’autunno decisamente accorciato e ristretto.

Grucce vuote nell’armadio e conto corrente che tende al rosso? Non disperate.
Per le mamme alle prese con la crescita dei propri bimbi e la necessità di far quadrare il bilancio familiare, esiste comunque una soluzione.
Con lo slogan “In un mondo che cambia è felice chi scambia”, da ottobre 2011 è nato il sito www.armadioverde.it .
Praticamente, iscrivendosi nell’apposita sezione, è possibile scambiare i propri vestiti usati ma ancora in ottimo stato con altri di qualità.

Pochi minuti ed il gioco è fatto. 
Su youtube c’è un bel video esplicativo, ma per iniziare a scambiare le operazioni da seguire sono davvero semplici.
Il primo passo necessario è quello di registrarsi con il proprio nome, cognome ed indirizzo mail.
Una volta provveduto, si ha accesso al portale.
Si compila on line la lista dei vestiti usati che si vogliono spedire (lavati, stirati e privi di macchie ed imperfezioni) e si riceve a casa una busta nella quale i capi andranno inseriti e rispediti tramite corriere (la prima spedizione è gratuita).
Dopo la valutazione, durante la quale verrà verificata la qualità del singolo contributo, all’iscritto verranno accreditate le stelline che certificano la tipologia di prodotto consegnato.

I vestiti esclusi dalla cernita in quanto non accettati verranno restituiti.

Si potrà quindi scegliere, sulla base delle stelline ottenute, selezionando a piacimento nel vasto campionario che copre una fascia d’età da 0 mesi a 10 anni, per maschi e femmine.

Quanto costa questo eco-shopping?
Ogni articolo scelto costa un tot di stelline, da scalare dal proprio monte stelle acquisito, oltre ad un contributo di 5 euro. Se si acquistano almeno 5 capi la spedizione è gratuita, altrimenti la si paga 10 euro.

Uno dei capi scambiabili sul sito
Uno dei capi scambiabili sul sito

Lo scambio di capi è nato semplicemente da uno scambio di idee.
www.armadioverde.it, nato dall’inventiva di tre genitori con bambini in tenera età, è una scelta ecologica oltre che all’insegna del risparmio. Consente di spaziare curiosando tra brand più o meno noti, scegliendo a prezzo competitivo anche capi firmati ancora in ottimo stato.
Si ispira alla moda anglosassone dello swapping, ovverosia sorta di commercio che prevede lo scambio di prodotti usati.

Siete pronti a riempire l’armadio? Cliccate e preparatevi alle sfilate.
Curiosate, scegliete, valutate ed aspettate il recapito a domicilio.
Potete fare tutto da casa, con pochi click. Inizierete con quelli del mouse, ma dopo la consegna è molto probabile che lo stesso rumore sarà prodotto dall’obiettivo della vostra macchina fotografica.

 Perché i vostri figli si trasformeranno, con modica spesa, in piccoli modelli da immortalare mentre indossano il loro guardaroba rinnovato senza salasso.

Norma Raimondo

Ambiente, Senza categoria , , , , , , , , , ,
Norma Raimondo

Informazioni su Norma Raimondo

Giornalista pubblicista, 45 anni, 28 dei quali trascorsi seguendo alimentazione esclusivamente vegetariana. Da due anni circa ho eliminato dalla mia dieta anche le uova. Ho un marito, due figli, un impiego che non è quello che sogno di fare nella vita ma di questi tempi è già qualcosa. Amo parlare, ascoltare, scrivere. Non bevo, non fumo. Ho un unico vizio: adoro leggere. Divoro generi vari, con una predilezione per le storie realmente accadute. Unica eccezione, i libri fantasy, che proprio non mi affascinano. Leggo appena posso, tenendo fede ad un motto di G. Flaubert: “ Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi o, come fanno gli ambiziosi per istruirvi. No, leggete per vivere”.

Precedente La fava, madre di tutte le leguminose e regina del mediterraneo Successivo Minestra di fave con cicorietta e pane croccante

Lascia un commento


*