I Finocchini: versione vegana del dolce piemontese

 

Finocchini dolcie tipicamente piemontesi
Finocchini dolcie tipicamente piemontesi (foto: mulinbarot.it)

I finocchini sono biscotti della tradizione astigiana e torinese, la leggenda narra che per errore il pasticcere Giovanni Maggiora buttò dei semi di finocchio nel classico impasto dei biscotti e nacquero così i finocchini. I biscotti preferiti della principessa Jolanda e del conte Calvi, reali del castello di Montemagno.
La ricetta di seguito riportata è una versione vegana di quella originale.

Ingredienti per 30 biscotti
160 g di farina 00
50 g di fecola
130 g di margarina di vegetale
100 g di zucchero
150 ml di latte di soia
1 bustina di lievito per dolci
1 cucchiaino di essenza d’anice (opzionale)
2 cucchiaini di semi di finocchio

Procedimento
Sciogliere la margarina a fuoco molto basso, aggiungete lo zucchero e mescolare per ottenere un composto liscio. Unite la farina setacciata con la fecola e il lievito. Non smettere mai di mescolare e aggiungere a filo il latte di soia, i semi di finocchio e l’essenza di anice. Il composto deve presentarsi senza grumi e semiliquido. Riversatelo in una teglia rivestita con carta da forno e cuocete a 180° per 30 minuti. Una volta raffreddata tagliatela a fette verticali spesse circa un centimetro e i biscotti sono pronti.

Suzanne Piana

foto: mulinbarot.it

Precedente Cacao crudo e addio ai sensi di colpa Successivo Il finocchio, benefici della pianta più aromatica del mondo

Lascia un commento


*