La spesa di Aprile: i prodotti di stagione

foto:withloveabby.com
Il nome Aprile deriva dal termine latino aperire, cioè aprire, alludendo al risveglio della natura e al germogliare delle piante (foto: withloveabby.com)

Aprile dolce dormire… Così si usava dire una volta. Aprile è per me il mese in cui in via definitiva i piumini rientrano nell’armadio, lasciando spazio alle giacche leggere; è il mese in cui la primavera fa capolino e tutto si tinge di quel bel verde brillante. I fiori iniziano timidamente a spuntare, le giornate si allungano grazie al ritorno dell’ora legale e quella letargia tutta invernale scompare.

Io divento iperattiva. All’improvviso m’iscrivo in palestra, vado a fare lunghissime passeggiate al parco, riordino casa in maniera maniacale (ma queste si chiamano pulizie pasquali) e la voglia di restare a casa è proprio pochina; però a un certo punto, ne pago lo scotto perché appena tocco il divano o mi sdraio per leggere qualcosa, la sonnolenza prende il sopravvento e in un attimo Morfeo mi fa sua. Questa sonnolenza aprilina è causata dalla maggiore quantità di serotonina e di melatonina che produciamo; infatti, la maggiore quantità di luce e l’alzarsi delle temperature contribuiscono notevolmente a questo fenomeno. In questo modo dormiamo meno e durante il giorno ci sentiamo pigri. La mattina diventa arduo scendere dal letto ma Madre Natura ci viene in soccorso con alcuni prodotti di stagione.

foto: lericettedilalina.it
Secondo un detto popolare, Aprile fa il fiore e maggio si ha il colore. Iniziano finalmente a comparire dei toni vivaci sulle nostre tavole (foto: lericettedilalina.it)

Acido Folico per amare la primavera.
Contrastiamo questa spossatezza portando sulle nostre tavole fragole, pompelmi e arance. Tutti e tre questi frutti sono ricchissimi di vitamina C.
Le fragole sono anche ricche di acido folico, fibre e potassio e aiutano naturalmente l’assorbimento del ferro. Sono perfette da gustare al naturale oppure con gelato di riso e oltre a riattivare il metabolismo, sbiancano i denti in maniera del tutto naturale.
Pompelmi e arance sono ancora presenti sulle nostre tavole con le loro fibre e i loro flavonoidi, tengono a bada il colesterolo e migliorano l’ossigenazione dei tessuti e l’elasticità dei vasi sanguigni. Se non amate sbucciarli, potete preparare un buon centrifugato cui aggiungerete della carota e della pera per addolcirne il sapore.
Dopo mesi di cavoli e broccoli, che gioia adocchiare sui banchi del mercato i primi ortaggi primaverili: asparagi, fave, ravanelli, agretti, finocchi e piselli. E proprio i primi, hanno oltre ad un sapore delicato anche proprietà energizzanti poiché sono ricchi di vitamina A, C e di rutina e contengono come le fragole molto acido folico che contribuisce al processo di formazione delle cellule nel sangue. Gli asparagi sono degli ortaggiì molto versatili che si prestano a essere mangiato anche sconditi.

foto:funkyrunner.lefunkymamas.com
(foto: funkyrunner.lefunkymamas.com)

Aprile Detox.
Con la primavera che calca le scene, le giornate più lunghe e le temperature in salita, aumenta la voglia di scoprirsi, di abbandonare maglioni pesanti e giacconi. Si fanno così strada nell’armadio trench, abitini leggeri e vaporosi, gonne e pantaloni che lasciano scoperte le caviglie.
Quando accade ciò, vuol dire che sono alle prese con il cambio armadio; un pomeriggio di fatiche, dove mi provo i vecchi vestiti che mi paiono nuovi, dopo tutti quei mesi abbandonati nelle scatole. L’occhio clinico si deposita su ogni minima imperfezione, dal rotolino di ciccia, alla pelle spenta e opaca e il richiamo alla prova costume che sopraggiungerà tra parecchi mesi, mi fa pensare a una me stessa in spiaggia infagottata in un kaftano che passa il tempo sotto l’ombrellone in preda all’imbarazzo. Quest’anno si può giocare in anticipo, iniziare a muoversi di più, rispolverare la bicicletta e iniziare un regime alimentare disintossicante. Mamma natura ci aiuta anche in questo.
Ad Aprile troviamo carciofi, finocchi e tarassaco che sono perfetti per depurare il nostro fegato e stimolare la diuresi, permettendoci di sgonfiarci in maniera del tutto naturale. Infatti, tutti questi ortaggi hanno un alto contenuto d’acqua che favorisce il continuo smaltimento di scorie ristagnanti all’interno delle strutture cellulari; quindi largo spazio a tavola a questi spazzini naturali che ci aiuteranno a rinascere in questa primavera.

Suzanne Piana

foto: lericettedilalina.it; withloveabby.com; funkyrunner.lefunkymamas.com

Precedente Giornata Mondiale della Salute: per un cibo sicuro di sè Successivo V is for Vegan, il veganismo spiegato ai bambini

Lascia un commento


*