Natale vegano: ecco il menù di Veg and Shout

foto:interiordesign.com

Natale vegano perchè quest’anno basta compromessi e basta critiche (foto:interiordesign.com)

 

 

Natale vegano, perchè mangiare senza uccidere è possibile!!

Dopo il black friday, ebbene sì ci siamo americanizzati a tal punto che sono abbastanza sicura che l’anno prossimo ci ritrovero a festeggiare pure il Giorno del Ringraziamento insieme ai  Padri Pellegrini. L’importante è che ci sia qualcosa da vendere. Chiudiamo qui questa nota di cinismo che stona tantissimo con il Natale e il suo messaggio di bontà e generosità infinita.

Belli i tempi in cui si era bambini e si credeva in questa magia. Ora che sono adulta vedo solo lo stress delle compere all’ultimo, liste su liste di idee regalo che si accumulano e dulcis in fundo stormi di parenti che vedi una volta all’anno e vogliono sapere tutto di te; ogni anno mi riprometto di incidere un disco per non ripetermi oppure registrare un video sullo smartphone per inviarlo preventivamente la sera della vigilia.

foto: vintageblog.uk

foto: vintageblog.uk

Cucinare allontana lo stress anche a Natale

C’è un solo modo con cui riesco a combattere lo stress facilmente: cucinare. Perchè la cucina, la percepisco come il mio habitat “naturale”, un po’ come il bosco per l’orso o il deserto per i dromedari. Adoro affettare (non le mie dita,anche se così posso affermare che c’è realmente qualcosa di me nel piatto), impastare, mescolare, farcire e tanto altro ancora. Il cibo è per me la base della convivialità, la bellezza che riesco a percepire nel dividere con chi amo qualcosa che ho fatto io, mi manda in estasi, ma non un’estasi orgasmica come quella della Santa Teresa del Bernini;diciamo che si avvicina a un sentimento misto di gioia e tronfia soddisfazione.

Natale perciò si trasforma da motivo di stress all’ennesima scusa per acquistare un nuovo ricettario, per passare ore e ore su blog di cucina alla ricerca delle ricette più strane e complicate della terra, che poi quasi sicuramente non vengono come la foto o come te le sei immaginate. La cucina è uno spazio che mi ha anche insegnato l’amaro sapore della sconfitta. Come quando passi interminabili minuti davanti al forno nella speranza  che la tua torta lieviti e appena apri il forno flop, si ammoscia e non ci puoi fare niente, se non ricominciare tutto da capo. Insomma la cucina come palestra di vita. Mi sono esercitata parecchio per ottenere un menù di Natale vegano e sono molto soddisfatta.

Natale vegano ecco il menù

natale vegano

Natale e le festività in genere mettono alla dura prova noi vegani che cerchiamo di non arrabbiarci. Vi consiglio questo post che vi darà dei piccoli suggerimenti su come affrontare al meglio questa giornata che ruota quasi tutta intorno al cibo. Ecco qui invece, la mia proposta per il menù di Natale, tutte le ricette sono state eseguite più volte nel corso dell’anno, sono abbastanza semplici e piacciono anche agli onnivori.

Antipasti

Patè di fagioli bianchi e pomodorini secchi

Strudel di spinaci

Insalata di Cavolo viola, mele e uvetta

Primo

Ravioli vegani ripieni di lenticchie e alga dulse

Secondo

Vegottonne: polpettone vegano su letto di carote e patate

Dolce

Crostata di frutta raw

Torta caprese

 

 

 

Cultura Veg, Food / , , ,
Suzanne Piana

Informazioni su Suzanne Piana

Classe 1987, di origine lecchesi nel 2008 si trasferisce a Torino per studiare Storia dell'Arte. Appasionata di cucina, design e sostenibilità detesta i cafoni che non fanno la raccolta differenziata e le persone incoerenti. Adora leggere e cucinare per le persone che ama. Multitasking per natura ha un compagno che la sostiene, un figlio di soli 6 mesi che fa troppe pernacchie e una gran voglia di di esprimersi.

Lascia un commento


*