Le piante nella lotta all’inquinamento domestico

2014 felt succulent planter  felted bowl  succulent pod  blue felt vases  spring decor-f68546
(foto: loveitsomuch.com)

L’inquinamento domestico può essere combattuto con l’utilizzo delle piante, infatti alcune tipologie ripuliscono l’80% dell’aria contenuta in 10 metri quadrati e rilasciano umidità e ossigeno. Ma non dovete trasformare la vostra casa in una giungla perché per lavorare al meglio ogni pianta di media grandezza deve avere almeno un raggio di 2 metri circa. Infatti grazie ai piccoli pori presenti sulle foglie, alcune piante sono in grado di catturare le molecole e i gas inquinanti e di convogliarli nelle radici. Queste liberano le sostanze nocive nella terra dove i microrganismi sono in grado di metabolizzarli.Per facilitare l’assorbimento di sostanze come il benzene o la formaldeide è bene tenere le foglie pulite dalla polvere, potete passarle con un panno antistatico oppure riciclare le bucce di banana passandole sulle foglie.

Ecco un piccolo prontuario per questo bellicoso giardinaggio domestico.

(foto:scratchsleeves.co.uk)
Aloe Vera (foto: scratchsleeves.co.uk)

Aloe Vera.
Queste rosette arbustive che assomigliano alle Agavi provenienti dall’Africa sono piante con foglie carnose simili a tentacoli che crescono intorno al fusto marginate con piccole spine. Vann posizionate in un luogo molto soleggiato, hanno bisogno di un terriccio fibroso con torba e sabbia fine.

(foto: fioridenni.it)
Azalea (foto: fioridenni.it)

Azalea.
Una pianta molto popolare che venne portata per la prima volta in Europa all’inizio dell’Ottocento. I fiori sono larghi e a forma di calice con splendide varietà di colori (bianco, viola, rosso scuro). Sono piante ideali per la casa, crescono fino a 60 cm con ciuffi terminali di fiori dai colori vivaci che compaiono da Natale sino alla fine dell’estate. Va riparata dalla luce diretta del sole e va innaffiata con moderazione senza mai lasciare asciugare il pane di terra. Con l’avvicinarsi della Festa Mamma, come ogni anno l’AIRC venderà queste piante per finanziare la lotta contro il cancro. Cogliete la palla al balzo e rendete le vostre case più sicure aiutando la ricerca.

(foto: cgaxis.com)
Dracaena (foto: cgaxis.com)

Dracaena.
Questo genere di arbusti, con ciuffi di foglie lanceolate, è tra le più eleganti piante per un appartamento. Meglio comprarle in primavera e metterle vicino alla finestra. Necessitano di poca manutenzione, infatti d’estate vanno annaffiate moderatamente e in inverno ancora più sporadicamente. Il terriccio deve essere poroso e ricco di humus e bisogna evitare i ristagni d’acqua. La pianta ideale per chi non ha un pollice verdissimo.

 

piante
Ficus (foto: demostore.modularmerchant.com)

Ficus.
Genere molto vasto di alberi, arbusti epifiti e rampicanti, che in comune hanno il lattice bianco che fece diventare un tempo il Ficus elastica un albero di grossa importanza economica: era l’albero da cui si ricavava il caucciù. Va posizionato in uno spazio ben illuminato lontano dal sole diretto. Nel periodo vegetativo va annaffiato spesso, più raramente in autunno e tenuto solamente umido in inverno.

(fonte: tillandsias.gardenwebs.net)
Tillandsia (fonte: tillandsias.gardenwebs.net)

Tillandsia.
È un genere di perenni sempreverdi, originaria dell’America centrale meridionale. Ha belle foglie pendule, simili a fili d’erba venate verticalmente ed una spiga centrale che assomiglia ad una pianta composta da brattee sfumate dal verde al rosa, da cui spuntano fiori blu-violetti. Le piante vanno posizionatea nella parte più calda della casa e hanno bisogno di molta luce. Vanno annaffiata bene e necessitano di parecchia umidità atmosferica. L’ideale sarebbe posizionarla in bagno.

(foto: images.woolworthsstatic.co.za)
(foto: images.woolworthsstatic.co.za)

Lingua di Suocera.
Originarie dell’Africa tropicale, sono piante che si presentano con succulente foglie dal fusto carnoso,dal color verde scuro. Hanno bisogno di un terriccio a base di torba e vanno posizionate in un posto molto soleggiato. Annaffiate spesso d’estate, vanno invece tenute asciutte in inverno.

Madre natura ci viene sempre in soccorso, io personalmente adoro le piante e gli ambienti che ne hanno tante, mi fanno sentire meno immersa nel caos e grigiume cittadino. Insomma che aspettate, andate dal fiorista e combattete l’inquinamento domestico rendendo più bella la vostra casa.

Suzanne Piana

foto: loveitsomuch.com; images.woolworthsstatic.co.za; demostore.modularmerchant.com; cgaxis.com; fioridenni.it; scratchsleeves.co.uk; tillandsias.gardenwebs.net

Precedente Inquinamento domestico: come combatterlo Successivo Miglio e verdure per un primo a tutto gusto

Lascia un commento


*