V is for Vegan, il veganismo spiegato ai bambini

V is for Vegan (fonte: booksblog.it)
V is for Vegan (fonte: booksblog.it)

Parlare di veganismo, di rispetto per la natura e degli animali può essere più facile con i bambini, generalmente meno inclini agli stereotipi e ai preconcetti tipici, invece, del mondo degli adulti. Ci ha provato con un bellissimo libro dedicato ai piccoli dai 3 ai 7 anni Ruby Roth, illustratrice americana celebre per i suoi testi a tematica vegan. Il suo nuovo lavoro V is for Vegan. L’ABC dell’essere gentile, pubblicato in Italia da Eifis Editore, traduce l’esperienza di educatrice dell’autrice in un colorato manuale per vegani in erba, nel quale il concetto di veganismo viene spiegato e illustrato attraverso immagini delicate, rime divertenti e un simpatico abbecedario. Si parte dall’alimentazione, con argomenti suddivisi in categorie come semi, noci, verdure e frutta, e si arriva fino a concetti più ampi e importanti come la protezione degli animali e la salvaguardia dell’ambiente.

Un alfabeto etico.
Nello speciale alfabeto di V is for Vegan. L’ABC dell’essere gentile di Ruby Roth, le lettere si sposano a concetti più ampi spiegati ai bambini con semplicità e tenerezza: la A indica gli animali, gli amici dell’uomo, la D di dairy il latte che appartiene alle mucche, la K di kitchen un fantastico luogo di aggregazione, divertimento e aiuto reciproco come la cucina, la U l’uso e il riciclo, la W di world il mondo che tutti devono contribuire a mantenere pulito e sano, la Y di you l’importante ‘tu’ che può fare la differenza.
Il concetto di fondo è che non è mai troppo presto per iniziare a cambiare il mondo, ne è fermamente convinta l’autrice, che afferma: “Credo che potremmo cambiare il mondo nel giro di una sola generazione, insegnando ai bambini (e, perché no, anche agli adulti) ad amare profondamente, pensare criticamente e agire in modo responsabile”.

Francesca Cavallo

foto: booksblog.it

Precedente La spesa di Aprile: i prodotti di stagione Successivo A Bristol il primo Bio-Bus alimentato con feci umane

Lascia un commento


*