V.V: Vienna vegana, top 5 dei migliori ristoranti

foto:theydrawandtravel.com
foto:theydrawandtravel.com

La città asburgica per eccellenza non ha nulla da invidiare sotto il profilo gastronomico vegano. Anzi per comprendere la varietà di locali vi consiglio di visitare questo sito.
Non sarà al primo posto come Berlino,ma questa piccola perla che ha permesso a personalità del calibro di Gustav Klimt, Egon Schiele, Otto Wagner o Franz Kafka di affermare il loro status di artisti, presenta uno scenario vegano molto variegato; infatti molti ristoranti presentano nel menù oltre alla classica schnitzel e ad altri piatti tipici, una alternativa vegetariana e una vegana.
Ma per chi non ama assaggiare del Tofu burmese seduto affianco ad un carnivoro, ecco la top 5 dei migliori ristoranti 100% vegan di Vienna.

Maran Vegan

foto: maranvegan.at
foto: maranvegan.at Stumpergasse 57, A-1060 Vienna

Per turisti di tutte le tasche, Maran Vegan è un supermercato esclusivamente vegano con un self service molto variegato ed economico. È una meraviglia, magari i nostri supermercati fossero così! La cosa fantastica è che puoi stare tranquillo che tutto ciò che acquisti è 100% cruelty free, a differenza dei nostri supermercati dove se non si legge attentamente l’etichetta si finisce involontariamente ad ingerire derivati animali. Al self service di Maran Vegan si possono gustare sia panini che insalate, ma anche piatti caldi a base di quinoa o bulgur.

1

Dopo una visita al Kunsthistorisches Museum, dove ho potuto sfamare la mia voglia intellettuale di arte ammirando capolavori come la Torre di Babele di Brueghel o l’allegoria della pittura di Veermer , con sole tre fermate di metropolitana, mi sono recata al Maran Vegan per una sfiziosa merenda a base di cupcake con semi di papavero e glassa al limone accompagnato da un centrifugato. I dolci a Vienna sono un Must.

Harvest

foto: harvest-bistrot.at
foto: harvest-bistrot.at Mollardgasse 2, A-1060 Vienna

Ai margini della Ringstrasse, nell’angolo sud orientale della Innere Stadt, si staglia questo caratteristico quartiere che rappresenta l’equivalente viennese di Corso Buenos Aires a Milano. Il trambusto e la varietà architettonica rendono questo angolino di Vienna veramente suggestivo e piacevole. Qui vi è un ristorante vegano, Harvest a conduzione familiare molto apprezzato da turisti e viennesi.

foto:justinekeptcalmandwentvegan.com
foto:justinekeptcalmandwentvegan.com

C’è una buona scelta di portate principali (ricordate che a Vienna è molto comune il piatto unico, che comprende sia primo che secondo), io ho assaggiato il Gulash durante un venerdì sera molto piovoso e ne sono rimasta colpita, porzioni abbondanti e un rapporto qualità prezzo davvero imbattibile (in genere si spendono 15-20 euro). Inoltre il Brunch domenicale è incredibilmente vario e sfizioso.

Loving Hut

foto:lovinghut
foto:lovinghut.at Favoritenstrasse 156, Nahe Reumannplatz A-1060 Vienna

Se desiderate farvi un giro nella periferia meridionale viennese, magari per visitare l’imponente complesso residenziale Karl-Marx-Hof e conoscere la Rotes Wien, vi consiglio di andare a mangiare in questo locale, Loving Hut che ha aperto i battenti nel lontano 2010. La cucina mescola la rapidità del fast food con la cucina vegana e quella orientale. Vasta scelta di zuppe, molto buona quella vietnamita, piatti a base di riso, verdure e legumi tutti deliziosamente speziati e saporiti. Ottimo tofu e l’hamburger di finta carne è piaciuto persino al mio fidanzato onnivoro.

foto:foodspotting.com
foto:foodspotting.com

Incredibili le presentazioni di Sushi veg e di Frushi. È molto economico, si spendono tra gli 8 e i 15 euro al massimo e le porzioni sono più che oneste. Anche se in periferia, è molto vicino all’Antonspark, che ha una meravigliosa cattedrale ed è da considerarsi come una alternativa stress-off dal caos turistico.

Fett und Zucker

foto:frlcatherine.com
foto:frlcatherine.com Hollandstraße 16 1020 A-Vienna

Vienna è il paradiso dei golosi, famosa per la sua alta pasticceria sarebbe un vero peccato non poter assaggiarne i dolci più famosi: lo strudel e la sacher.
Nel distretto XX, vicino al Danubio, sempre in periferia è presente questa fantastica pasticceria vegana che offre anche smoothie e frullati 100% cruelty free.

Immagine

Aperta fino alle 21:00, Fett und Zucker va menzionata per la sua semplicità e per l’incredibile qualità dei suoi dolci che non accontentano solo i palati vegani ma anche quelli di intolleranti e diabetici. Senza rinunciare al proprio credo si possono gustare deliziosi dolci della tradizione accompagnati da rinvigorenti bevande calde e fredde.
Tian Experience Taste

foto:taste-tian.com
foto:taste-tian.com Himmelpfortgasse 23, 1020 A-Vienna

Vicino al più celebre teatro dell’Opera di Vienna, lo Staatsoper c’è un ristorante vegano ottimo ma non molto economico, il Tian Experience Taste che necessita di prenotazione. Rispetto ai locali presentati prima non è così informale ma appagherà le papille gustative del vegano più esigente. La cura dei dettagli nella presentazione dei piatti, l’attenzione per i sapori e i colori sono celebrati all’interno della meravigliosa cornice del ristorante, molto elegante e al tempo stesso moderno.

foto:taste-tian.com
foto:taste-tian.com

Lo chef Paul Ivić non si occupa solo della realizzazione dei piatti ma anche della coltivazione della maggior parte dei prodotti nel giardino Bio-naturfair del Tian Restaurant. Merita una menzione la carta dei vini ad opera del sommelier Alexander “The Grape” Adlgasser che presenta una selezione in grado di accontentare i palati più esigenti. Se pur vero che questo ultimo locale non è decisamente per squattrinati, vale la pena provare e apprezzare un’alta cucina tutta vegana, a riprova del fatto che non servono proteine nobili per stimolare il palato.

Vienna è una città meravigliosa, che va visitata assolutamente, comprate un volo low cost e partite subito.

Precedente Italia - Spagna su due ruote: viaggio vegan in salsa ecologica Successivo Caviale vegano: un'idea sfiziosa per un aperitivo chic

Lascia un commento


*