Vegan palline golose per un rifornimento di proteine

Vegan palline golose
Le vegan palline golose sono molto diffuse negli States e sono mangiate anche dai sportivi che però sostituiscono la farina con mix proteici in busta.(foto:smashedpeasandcarrots.com)

Calo di protenie? Mangiate le vegan palline golose

Questa ricetta è molto semplice e non prevede alcun tipo di cottura. Contiene le mandorle che sono ricche di vitamina E, la cannella che aumenta l’attività cerebrale, i semi oleosi ricchi di Omega 3 e il cacao ricco di magnesio, ferro, manganese e riboflavonoidi. Sono un modo giocoso di presentare la colazione o la merenda al proprio bambino e anche un modo per far mangiar loro i semi. Impresa abbastanza ardua. Hanno una consistenza gommosa, perciò questa ricetta non è adatta ai bambini più piccoli che soffocherebbero mangiandoli. Una volta preparato l’impasto base potete sbizzarrirvi con la copertura. Potete utilizzare il cocco grattuggiato, le bacche di goji, l’avena. Insomma potete personalizzare queste palline che mi ricordano esteticamente un Truffles belga.

Ingredienti

60 gr. di semi di zucca

50 gr di semi di canapa

40 gr di semi di girasole

260 gr di datteri denocciolati

3 cucchiai di cacao in polvere

un pizzico di sale

50 gr di farina di cocco o 70 gr di fiocchi d’avena

succo d’arancia

Procedimento

In un robot da cucina mettere i semi e la farina. Azionate il robot per ottenere un mix fine e friabile. Aggiungete i datteri e vedrete che l’impasto inizia a prendere consistenza. Aggiungere i restanti ingredienti. Se il composto risulta duro aggiungere il succo d’arancia per ammorbidirlo e rendere più semplice la realizzazione delle palline. Create 26 palline e passatele nel cacao, nei cereali, nel cocco grattuggiato, come più vi piace. Conservatele nel frigo anche per una settimana intera, sempre che qualcuno non le finisca prima.

 

Ricette Veg , , ,
Suzanne Piana

Informazioni su Suzanne Piana

Classe 1987, di origine lecchesi nel 2008 si trasferisce a Torino per studiare Storia dell'Arte. Appasionata di cucina, design e sostenibilità detesta i cafoni che non fanno la raccolta differenziata e le persone incoerenti. Adora leggere e cucinare per le persone che ama. Multitasking per natura ha un compagno che la sostiene, un figlio di soli 6 mesi che fa troppe pernacchie e una gran voglia di di esprimersi.

Precedente Muffin ai mirtilli con farina integrale Successivo Colazione vegana dei bambini

Lascia un commento


*