Vegan pesche ripiene

La mia invitante teglia prima della cottura.. dopo non ho avuto tempo di fotografarla. Sono andate a ruba!

La mia invitante teglia prima della cottura.. dopo non ho avuto tempo di fotografarla. Sono andate a ruba!

Siamo ormai in autunno, ma il ricordo dell’estate è ancora vivo, anche grazie alle splendide giornate di sole che settembre ci sta generosamente regalando.

Per tenere vivo anche il sapore, visto che in commercio in questi giorni sono ancora reperibili, vi fornisco la ricetta veganizzata delle pesche ripiene, un frutto che io adoro e che si sposa alla perfezione con il gusto del cioccolato amaro.

Io le trovo deliziose preparate in anticipo e lasciate raffreddare, di modo che giacciano un pochino nella loro bagna zuccherina, dopo essere state riposte per qualche ora in frigo.

Data la temperatura non più torrida, tuttavia, se preferite potrete gustarle anche tiepide.

Dosi ed ingredienti per la realizzazione di 12 mezze pesche:

6 pesche mature ma non troppo (io adoro le pesche noci, voi scegliete la qualità che preferite, è importante che siano ben sode e non si disfino durante la preparazione), 2 cucchiai di zucchero di canna, 2 cucchiai di cacao amaro in polvere, 50 gr di mandorle non pelate, 2 cucchiai di liquore all’amaretto  (va benissimo anche il rhum se lo preferite).

Dividete a metà le pesche, privatele del nocciolo e scavatene la polpa, riponendola in un contenitore a parte.

Se siete sicuri della loro provenienza biologica potete lasciarle così come sono. Se non lo sapete, meglio provvedere a sbucciarle.

Schiacciate la polpa delle pesche con una forchetta, aggiungete lo zucchero, il cacao amaro, il liquore, le mandorle tritate. Deve risultare un composto leggermente granuloso.

Riempite le mezze pesche scavate con il ripieno, disponetele in una pirofila foderata con carta da forno una di fianco all’altra, spolverizzate leggermente la superficie con un poco di zucchero e cuocete ad una temperatura di 180° (forno ventilato) per una ventina di minuti.

Per mantenere la morbidezza del frutto, potete versare nella teglia, prima di infornare, un leggero strato di acqua. In fase di cottura, la frutta rilascerà un dolce succo, da raccogliere con un cucchiaio irrorando le pesche prima di trasferirle nel piatto.

Norma Raimondo

 

Ricette Veg / , , ,
Norma Raimondo

Informazioni su Norma Raimondo

Giornalista pubblicista, 45 anni, 28 dei quali trascorsi seguendo alimentazione esclusivamente vegetariana. Da due anni circa ho eliminato dalla mia dieta anche le uova. Ho un marito, due figli, un impiego che non è quello che sogno di fare nella vita ma di questi tempi è già qualcosa. Amo parlare, ascoltare, scrivere. Non bevo, non fumo. Ho un unico vizio: adoro leggere. Divoro generi vari, con una predilezione per le storie realmente accadute. Unica eccezione, i libri fantasy, che proprio non mi affascinano. Leggo appena posso, tenendo fede ad un motto di G. Flaubert: “ Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi o, come fanno gli ambiziosi per istruirvi. No, leggete per vivere”.

Lascia un commento


*